Tag Archives: sportello

USURA SERVE MAGGIORE ATTENZIONE PRESSO IL TRIBUNALE DI RAGUSA

STOP-USURA-BANCARIA

STOP-USURA-BANCARIASiamo estremamente preoccupati per quello che accade presso il Tribunale di Ragusa.

Svariati imprenditori hanno denunciato presso la Procura della Repubblica di Ragusa per usura diversi istituti di credito, supportati da perizie di parte e fiduciosi nella giustizia hanno chiesto che venissero accertati i reati di cui si sentivano vittima.

Molto spesso abbiamo assistito agli appelli delle Istituzioni a denunciare i fenomeni estorsivi e usurai, di converso vediamo una risposta non adeguata delle stesse Istituzioni una volta che vengono chiamate in causa.

E’ di ieri l’ennesimo decreto di archiviazione, questa volta a firma del GIP Dott. Andrea Reale, in merito ad una denuncia di un imprenditore vittoriese contro due istituti di credito per usura bancaria.

Nonostante il CTU incaricato dalla Procura (un ex funzionario della Banca d’Italia – Dott. Scattone) abbia accertato rilevanti sforamenti del tasso soglia usura in due conti corrente ed in un mutuo ipotecario di 350.000,00 euro da parte di due noti istituti bancariall’imprenditore viene negata Giustizia.

Ed anzi, oltre al danno anche la beffa.

Questi istituti infatti hanno azzerato la bancabilità di questa impresa iscrivendola nelle centrali di allarme interbancario. Unico canale di finanziamento per l’impresa rimaneva l’accesso alle agevolazioni previste dalla normativa antiusura, cui aveva fatto richiesta.

Nel momento in cui la Procura e i GIP del Tribunale di Ragusa archiviano tutti i procedimenti penali viene impedito nei fatti agli imprenditori di accedere alle agevolazioni previste dalle normativa antiusura e salta l’ultimo canale legale di accesso al credito.

La CNA di Vittoria e lo Sportello delle Criticità Bancarie e Tributarie nei prossimi giorni chiederanno un incontro urgente con il Prefetto di Ragusa, con il Presidente del Tribunale di Ragusa e con il Procuratore della Repubblica di Ragusa.

Documento congiunto, segreteria CNA Vittoria e Giovanni Traina presidente dello Sportello delle Criticità bancarie e tributarie

Servizio o Disservizio

per gli organi dirigenziali “Unicredit” nulla quaestio!

In questi giorni arrivano allo “Sportello delle Criticità Bancarie e Tributarie” parecchie istanze di cittadini, associati e non, che lamentano il “disservizio” messo in atto da “UNICREDIT” da qualche tempo in tutto il territorio ragusano. Nella nostra città di Vittoria, in diversi punti strategicamente commerciali, sono stati chiusi gli sportelli di accesso al pubblico, di contro gli sportelli rimasti aperti, dovendo sostenere un carico di lavoro eccessivo, costringono i clienti a interminabili ore d’attesa.

Stupisce che il metodo in uso si sia propagato, a Comiso, Ragusa, Modica, … cioè in tutta la provincia di Ragusa. Sarà forse vero che la provincia di Ragusa sia diventata subalterna alla provincia Siracusa, dove pare sia stato spostato il centro dirigenziale?

Una tale politica è sicuramente  dannosa per il territorio, specie nel comprensorio vittoriese, ove insiste un mercato ortofrutticolo, che ancora oggi è fra i più attivi d’Italia. Non si può invocare una riduzione dei costi creando un disservizio senza precedenti, proprio in un territorio e in una città come Vittoria, che, a memoria dei clienti più anziani, era il fiore all’occhiello di tutta la Sicilia.

Non è nemmeno credibile la tesi che, a causa della crisi, la consistenza dei prestiti sia diminuita, come viene smentita dai dati della Banca d’Italia che assegnano in tutta la Sicilia un irrisorio 0,93% in meno.  Per quanto riguarda i depositi la situazione è capovolta: RAGUSA e provincia + 3,9, contro il – 6,40% di Agrigento, il – 2,16 di Trapani, il -2,20% ecc…….

Bisogna essere attenti e rispettosi delle esigenze del territorio. Dietro ogni “numero”  ci sono persone, ci sono storie di aziende decennali, ci sono famiglie che vivono dell’impiego, c’è una tradizione di anni e anni di lavoro, di sacrifici di tante persone oneste e laboriose che hanno fatto la storia di una Banca UNICREDIT e la storia di tante AZIENDE che hanno elevato socialmente ed economicamente  le sorti di una città come Vittoria e della provincia di Ragusa tutta.

I COSTI DEL DISSERVIZIO

A luglio del 2015 una ns. socia vende dei titoli, pochi per la verità, € 5.000,00 e chiede la chiusura del conto. Il troppo lavoro, in banca, autorizza l’impiegata di turno a rimandare l’operazione. Dopo vari tentativi nei mesi a seguire, finalmente, anche dietro l’intervento della “Associazione” le viene richiesto di pagare la somma di € 272,00. Non è stata una somma veramente esagerata?  Fortunatamente,  questa agenzia di Unicredit non è stata chiusa! Altrimenti i costi per l’utente sarebbero lievitati ulteriormente.

Giovanni Traina

Risposte concrete per il territorio

usura-bancaria-660x320 copy

L’attività dello Sportello delle criticità bancarie e tributarie va avanti in maniera costante.
Nei primi quattro mesi del 2016 abbiamo avuto 150 visite di cittadini, con le più svariate esigenze o richieste.

usura-bancaria-660x320 copy

Chi conosce il modus operandi dello Sportello sa che noi partiamo da un ragionamento basilare (ma non scontato), se la Banca / finanziaria ci ha prestato delle somme noi le dobbiamo restituire. Certamente quando ci sono anomalie andremo a discutere con questi enti sui tassi d’interesse e sulle modalità che dovranno essere rispettose della dignità umana.

La settimana scorsa siamo riusciti a dare una risposta seria e concreta a due nostri associati.

Queste due persone si sono rivolte a noi perché in difficoltà nei pagamenti delle rate di alcune finanziarie, dopo aver analizzato la loro posizione debitoria, abbiamo individuato alcune anomalie che ci hanno permesso di andare a trattare stragiudizialmente con gli istituti.

Ecco quello che abbiamo ottenuto:

primo finanziamento, allungato l’ammortamento del finanziamento di ben sette anni con una rata più leggera ed ottenuto un tasso complessivo del 3,90% a fronte di un tasso iniziale del 9,40%, facendo risparmiare ben 3.131,00 nonostante un allungamento di 7 anni.

secondo finanziamento, allungato l’ammortamento del finanziamento di ben dieci anni (dal 2018 al 2028) e ottenuto un tasso complessivo dell’1,58% a fronte di un tasso iniziale del 13,55%, facendo risparmiare ben 8.264,00 nonostante un allungamento di 10 anni.

Riuscire a dare risposte è la più grossa soddisfazione per lo Sportello.